4 min readKARDIA MOBILE: il ritmo della scienza in meno di un “heartbeat”

Digital health 11 Maggio 2020 3 min read

4 min readKARDIA MOBILE: il ritmo della scienza in meno di un “heartbeat”

Reading Time: 3 minutes

Kardia Mobile (KM) prodotto firmato AliveCor, è il primo elettrocardiografo portatile approvato da FDA e con marchiatura CE che in associazione con uno smartphone permette di diagnosticare e monitorare autonomamente aritmie cardiache come la fibrillazione atriale. Disponibile a 1 e 6 derivazioni, KM è il registratore di ECG tascabile validato scientificamente e suggerito da diverse linee guida cardiologiche. Un’alternativa a KM è Kardia Band che funziona in associazione con un Apple Watch.

COME FUNZIONA

KM nasce con la missione di facilitare la diagnosi precoce di aritmie in adulti a rischio di patologie cardiovascolari e garantire un monitoraggio continuo dei pazienti in terapia. L’obiettivo risponde a un’esigenza clinica importante: quella di permettere interventi di prevenzione mirata e interventi terapeutici rapidi e personalizzati. Semplicissimo da usare, KM è stato concepito come strumento diagnostico e di monitoraggio portatile sia per soddisfare l’esigenza dei pazienti di controllare il proprio stato di salute, che quella dei clinici di assicurarsi dell’efficacia della terapia scelta per i propri pazienti.

Consiste in un elettrocardiografo – dal design semplice e pratico – che in associazione con una app dedicata ti permette di registrare e visualizzare il tuo ECG in un tempo minimo di 30 secondi sul tuo smartphone. Poggiando le dita sui sensori metallici del dispositivo KM, gli impulsi elettrici verranno convertiti in segnali ad ultrasuoni che saranno percepiti dal microfono del tuo cellulare e visualizzati in un ECG nella app dedicata. Gli ECG registrati potranno essere condivisi con il tuo medico (tramite email, whatsapp, skype) che valuterà la frequenza e il ritmo cardiaci, rileverà eventuali aritmie e sarà in grado di interagire con te in modalità remota per indirizzarti tempestivamente verso il percorso terapeutico più adatto a te (Kardia Pro).

GLI STUDI CLINICI: LOOK AND YOU WILL FIND

Le evidenze scientifiche su KM sono numerose favorendone l’adozione a livello mondiale. Dalla validazione dell’algoritmo KM all’applicazione per la diagnosi di aritmie, monitoraggio di pazienti con FA (anche successivamente a procedure terapeutiche come la cardioversione o l’ablazione), diagnosi precoce di FA in pazienti ad alto rischio (es. post chirurgia cardiaca) e molte altre, la scienza a supporto di KM è ambiziosa e incoraggiante.

Uno dei primi studi che, secondo me, ha valorizzato clinicamente KM è il REHEARSE-AF Study (Assessment of Remote Heart Rhythm Sampling Using the AliveCor Heart Monitor to Screen for Atrial Fibrillation), un trial clinico randomizzato spontaneo – condotto da un gruppo di ricerca inglese (Primo autore: Halcox Julian), pubblicato nel 2017 su Circulation (rivista clinica importante nel campo della cardiologia) e presentato lo stesso anno al congresso ESC (European Society of Cardiology) – che ha valutato la capacita di KM (1 derivazione) di diagnosticare precocemente la fibrillazione atriale e permettere un intervento tempestivo per la prevenzione di complicanze tromboemboliche fatali o invalidanti. Su 1001 pazienti con età media di circa 73 anni e CHA2DS2-VASC medio di 3 (come spiegato in un recente articolo il CHA2DS2-VASC è uno score predittore del rischio tromboembolico), lo studio ha dimostrato che la probabilità di diagnosi di FA con Kardia Mobile è circa 4 volte superiore rispetto alla classica visita ambulatoriale, con una soddisfazione alta dei pazienti che si sono dichiarati meno ansiosi grazie alla possibilità di un monitoraggio autonomo costante (2 volte alla settimana per 12 mesi).

KARDIA MOBILE NELL’ERA COVID19

A partire dal 13 Aprile 2020 AliveCor ha integrato KM con un servizio specifico di rilevazione del QTc (Corrected QT Interval), l’intervallo presente su un ECG che riflette l’integrità delle proprietà elettriche del cuore. Un QTc prolungato è fattore di rischio per complicanze cardiache come le torsioni di punta, tachicardie ventricolari altamente rischiose per la vita. Il servizio KM si prende in carico il compito di monitorare attentamente la frequenza cardiaca di pazienti con COVID19 trattati con farmaci che hanno un effetto sull’attività elettrica del cuore, come l’idrossiclorochina o la clorochina. Questa integrazione ha portato all’inserimento del Kardia Mobile nelle linee guida Europee di Cardiologia (ESC) che suggeriscono ai clinici l’utilizzo di dispositivi portatili ed in particolare Kardia Mobile 6L per monitorare a distanza pazienti con QTc prolungato, evitando così visite ambulatoriali che esporrebbero i pazienti a rischio di infezione e riducendo, contemporaneamente, il carico di lavoro dei clinici altamente impegnati nella lotta contro il COVID19.

LETTERATURA SCIENTIFICA Qui la lista completa delle pubblicazioni scientifiche (più di 80) risultato della ricerca clinica su e con Kardia Mobile. https://www.alivecor.com/research/

Biologa esperta in medicina cardiovascolare ed ematologia, con 8 anni di esperienza internazionale in ricerca scientifica di base e clinica, sostenitrice della digitalizzazione della medicina come strumento per fornire assistenza e cure più rapide e personalizzate. Il mio motto è: “Fai sempre la cosa giusta”